SULLA STATALE 96 PRONTI A PARTIRE I LAVORI PER IL RADDOPPIO DI 4 KM IN TERRITORIO DI ALTAMURA, GRUMO APPULA E TORITTO

Stampa
Scritto da Mimmo Savino    Giovedì 17 Settembre 2009 14:16

altA breve partiranno i lavori di raddoppio e allargamento della carreggiata sia sulla statale 99 tra Altamura e Matera, sia sulla statale 96 tra Altamura e Bari, nei territori di Grumo Appula e Toritto. I lavori saranno ultimati a giugno 2010...


ALTAMURA . Giugno 2010. E' il capolinea fissato dall'Anas per i lavori di raddoppio della strada statale 99 per Matera nel tratto di Altamura. Dal finestrino dell'auto il «paesaggio» è decisamente cambiato.
L'intervento di raddoppio riguarda 8 chilometri di tracciato, fino al confine di provincia, dove andrà ad innestarsi     con il tratto materano che è già diventato interamente a quattro corsie dall'inizio dell'estate. Quando anche il cantiere in territorio barese sarà completato, tra Altamura e la città lucana
la strada sarà a doppia carreggiata, divisa dal guard-rail, con maggiori indici di sicurezza e scorrimento del traffico.
Imboccando la strada per Matera, già alle porte di Altamura, al km 2.50 (punto di inizio del cantiere), una deviazione sulla destra porta su una pista a due corsie strette. A sinistra è già visibile quella che sarà la strada prossima ventura, una striscia di asfalto lunga e larga.
La deviazione termina dopo circa 300 metri ed immette sul consueto tracciato. Ai lati della strada, prevalentemente sulla destra ma talvolta anche sulla sinistra, sono ben visibili le lavorazioni e le superfici su cui si sta sviluppando la nuova strada. Dall'attuale tracciato, infatti, sono previsti scostamenti minimi. Si può infatti certamente affermare che la nuova statale nasce come effettivo raddoppio dell'attuale e non come realizzazione di un nuovo percorso. La particolarità, però, sta nel fatto che tra Altamura e Matera c'è un susseguirsi di case, fabbriche e attività artigianali. E per rendere uniforme il tutto si assiste all'utilizzo di superfici da una parte e dall'altra dell'attuale carreggiata. Un'edicola sacra con una Madonnina si è trovata proprio al centro, sintesi del vecchio e del nuovo. L'edicola c'è ancora mentre la statuetta della Madonnina è stata spostata.
Al km 3,50, in prossimità della «Tarantina», sulla curva il cantiere «disegna» il tracciato che sarà a quattro corsie. Lo stesso avviene al km 8, al termine del lungo rettilineo, quando si imbocca il tratto che scende verso il confine con Matera. Due chilometri più avanti, al chilometro 10+500, si è già in territorio lucano. La strada è tutta a quattro corsie, divisa in due carreggiate, con svincoli per Gravina e per la stazione di Venusio, per Santeramo e per alcuni quartieri di Matera. Il raddoppio termina alle porte della città dei Sassi, con l'innesto sulla «Appia» (statale 7).
Alla fine dei lavori è destinata a mutare radicalmente la circolazione sulla viabilità secondaria e già se ne vedono i primi effetti. Non sarà più possibile accedere «a raso» alle campagne e le strade interpoderali attraversate dai passaggi a livello saranno chiuse.
Tasselli di un mosaico complesso. Su un'altra direttrice, quella verso Bari (statale 96), sono prossimi a partire i lavori per il raddoppio di quattro chilometri in territorio di Altamura, Grumo e Toritto.

(a cura di Onofrio Bruno
dal quotidiano "La Gazzetta del Mezzogiorno" di mercoledì 16 settembre 2009)

 









 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Torittonline.it" (clicca qui).