clicca per info

Stella Revisioni-Officina

Nicola Stella - Revisioni - Elettrauto

Rifiuti Ingombranti
RIFIUTI INGOMBRANTI
NUMERO VERDE

TORITTO - 800.036.459
(attivo lun-ven 9:00-12:00)

Home Consacrati Torittesi TORITTESI NELL'ANNO DELLA VITA CONSACRATA: DON SALVATORE D’INNOCENZO

TORITTESI NELL'ANNO DELLA VITA CONSACRATA: DON SALVATORE D’INNOCENZO

PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione OnLine Network    Mercoledì 18 Marzo 2015 14:04

Per la nuova rubrica dedicata ai "Torittesi nell'anno della Vita Consacrata", pubblichiamo l'articolo di Donato Scarpa su un padre illustre di Toritto, don Salvatore, nell'anniversario della sua salita al cielo (deceduto il 19 marzo 1994), oltre che autore del monumentale testo di storia di Toritto...

 

DON SALVATORE D’INNOCENZO

Padre illustre di Toritto

 

Il 19 marzo 1994 don Salvatore D’Innocenzo, dopo 64 anni di sacerdozio, nella notte di S. Giuseppe, raggiungeva la sua amata Mamma celeste.

A don Salvatore i torittesi devono molto per il suo servizio svolto sempre con gioia e amore non solo nella Chiesa.

Nato a Toritto il 27 agosto 1907 da Giuseppe, maresciallo dei Carabinieri dei Reali, e da Nicoletta De Vito, a 15 anni frequentò il liceo statale Moragni a Forlì ove si era trasferito nell’oratorio “Orselli” dei Filippini. Proprio sulla tomba di San Filippo Neri a 20 anni indossò l’abito talare. Come il grande san Filippo anche don Salvatore radunò attorno a sé un gruppo di ragazzi di strada, avvicinandoli alle celebrazioni liturgiche e facendoli divertire, cantando e giocando, in quello che sarebbe, in seguito, divenuto l'Oratorio.

Quel lungo abito talare spesso si vedeva sfilare velocemente tra le vie del paese, maestosamente portato da don Salvatore che salutava tutti con un sorriso vero e la sua dolcezza nel dire “bravi” ai ragazzi che incrociava.

Dopo esser stato ordinato sacerdote il 6 settembre 1930, divenne vice parroco prima a Modugno e successivamente a Toritto, poi per tanti anni esercitò il suo ministero di parroco a Santeramo nella parrocchia SS. Crocifisso, per ritornare nuovamente a Toritto presso la sua amata chiesetta della Madonna delle Grazie.

Oltre al sorriso, che si leggeva anche nei suoi occhi di fanciullo innamorato del Vangelo, don Salvatore è stato un grandissimo predicatore. Uno studioso dotato di un linguaggio dotto che sapeva rendere semplice con una chiarezza e calore nel parlare che invitava all’ascolto.

Don Salvatore è stato un vero padre per i giovani. Nel 1944, va nelle periferie di Toritto, dove non c’è nulla, ma dove i giovani del dopo guerra si ritrovano. E al fine di evitare che quei giovani abbandonati a se stessi prendessero la via della delinquenza per loro costruì l’Oratorio “S. Cuore”. Ma prima ancora che dedicarsi alla catechesi, iniziò la sua attività distribuendo pane e vestiti di cui l’errabonda fanciullezza aveva bisogno. Con quei ragazzi creò una compagnia filodrammatica.

Nel 1947 inaugurò il primo cinema sonoro a Toritto presso l’asilo Amaricusa, per poi continuare con il cinema oratoriano presso altri locali a sue spese e a suo rischio.

Presso il sacro Cuore nel 1952 fu inagurata la chiesetta e campo dei giochi. Lo stesso don Salvatore pioniere dell’oratorio del Centro Parrocchiale iniziato nel 1978 sul suolo donato da don Giuseppe Paccione, e completato nel 1986 prima da don Giovanni Paccione e poi da don Pierino Dattoli, grazie alla donazione della vendita del “S.Cuore”  nell’attuale via Favaro a Toritto.

A don Salvatore Toritto deve immensa gratitudine per la sua opera “Toritto memorie storiche e tradizione”.

 

 

 

 Un vero lavoro scientifico di riscoperta delle nostre memorie e tradizioni. E nonostante le difficoltà di scrivere una tale opera, don Salvatore è riuscito con il suo linguaggio a rendere il suo libro di gradevole e piacevolissima lettura. Infine, tra le tantissime opere che molti torittesi ricordano del gioioso don Salvatore v’è la donazione della sua casa in via Diaz, recentemente ristrutturata.

Grazie a don Salvatore Toritto ha visto crescere i suoi giovani del dopo guerra, grazie a lui Toritto ha un suo archivio storico. Grazie anche a don Salvatore Toritto ha un Oratorio, all’ingresso del quale è stato collocato un marmo a perenne ricordo e gratitudine per don Salvatore.

Nel giorno della sua nascita al cielo il 19 marzo 1994 Toritto, che ha intitolato una strada al sacerdote sorridente, è cosa bella ricordarlo come padre illustre del paese che ha amato e aiutato a crescere.

(a cura di Donato Scarpa)

 

 

 

 

 

 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Torittonline.it" (clicca qui).

Share
Ultimo aggiornamento Giovedì 26 Marzo 2015 08:22
 

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

REDAZIONE ON LINE

alt
alt

Gruppo Grumonline su Facebook

Gruppo Torittonline su Facebook

 

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA!

I nostri visitatori

Oggi306
Ieri3929
Questa settimana15071
Questo mese107599
Torittonline.it